Barometro dell’odio: è partito il monitoraggio sui social - Amnesty International Italia

Barometro dell’odio: è partito il monitoraggio sui social

13 febbraio 2018

Tempo di lettura stimato: 4'

Per contrastare i discorsi violenti, aggressivi e discriminatori in campagna elettorale è online il “barometro dell’odio“.

Unico nel suo genere, il barometro aggrega e mostra attraverso grafici dinamici e in costante aggiornamento il lavoro di monitoraggio delle dichiarazioni e dei commenti postati sui profili social ufficiali di un campione rappresentativo di candidati alle elezioni.

A seguire questo lavoro sono i nostri attivisti.

Il barometro dell’odio fa parte della campagna “Conta fino a 10“, il cui obiettivo è quello di sensibilizzare sui discorsi violenti, aggressivi e discriminatori per contrastarli e diffondere un uso corretto delle parole.

Cosa misura il barometro dell’odio

Ogni giorno, fino al 2 marzo, i discorsi e le dichiarazioni di tutti i candidati dei collegi uninominali di Camera e Senato dei quattro principali partiti e coalizioni sono passati ad un accurata analisi da parte dei nostri attivisti.

Sulla base di un metodo quantitativo e qualitativo, i dati raccolti sono aggregati per misurare il numero delle frasi contenenti discorsi d’odio, classificandole come linguaggio offensivo (giallo), grave (arancione), molto grave (rosso).

I video e i testi al fianco di ogni grafico rappresentano la nostra contro-narrativa.

Il lavoro di monitoraggio si sviluppa in diverse fasi e prevede:

  • l’analisi dei dati in aggregato che intersecherà, per partiti e coalizioni monitorate, la percentuale di discorsi offensivi, discriminatori/razzisti e di incitamento alla violenza;
  • un focus su candidati premier e candidati alla presidenza delle regioni Lazio e Lombardia;
  • la mappa online dell’odio, che mostrerà per ogni regione i livelli di discriminazione/razzismo e le categorie bersaglio;
  • un rapporto preliminare con le rivelazioni principali;
  • un rapporto finale con tutti i dati raccolti.

Perché un barometro sull’odio in campagna elettorale

Purtroppo il clima di odio che circola nel paese alla vigilia della campagna elettorale non prelude a nulla di buono – ha dichiarato in una nota ufficiale Antonio Marchesi, presidente di Amnesty International Italia –. C’è chi l’odio, anziché contrastarlo, lo semina, favorendolo e persino giustificandolo. Speriamo che questa campagna renda ognuno e ognuna più consapevole delle parole che usa e dell’effetto che possono suscitare“.

Il barometro dell’odio è la nostra risposta a “Una società sempre più polarizzata, una società sempre più divisa” ha dichiarato il direttore di Amnesty International Italia Gianni Rufini.

Attivisti in campo per monitorare i discorsi d’odio

Il lavoro di monitoraggio dei discorsi d’odio è reso possibile grazie ai nostri attivisti. Decine di persone, reclutate attraverso la rete sul territorio, i coordinamenti tematici, le task force specializzate e i volontari 2.0 hanno deciso di mettere a disposizione il loro tempo per monitorare le dichiarazioni sulle pagine social di un campione rappresentativo di candidati durante le ultime tre settimane della campagna elettorale, dal 8 febbraio al 2 marzo 2018.

Tutti, per essere parte del progetto, hanno partecipato alle nostre attività di formazione affinché avessero tutti gli strumenti per condurre questo lavoro.

Conta fino a dieci

Il barometro dell’odio è parte di un progetto più ampio che coinvolge l’attivismo e che mette in campo strumenti innovativi e partecipazione attiva.
Il nostro obiettivo è quello di arginare e diminuire l’uso del linguaggio violentoaggressivo e discriminatorio, rispondendo ai profondi cambiamenti in atto nella nostra società e dando voce a tutte quelle persone che non hanno intenzione di cadere nella trappola del noi contro loro.